Piove sempre quest’ inverno e così sto lavorando pochissimo la vigna. Oggi sono andato al campo e dopo neanche due ore son scappato via: grandinava. Tornato a casa mi trasformo in fine osservatore super-partes (ovvero senza-alcuna-parte) della politica di dominio internazionale. Che vitaccia!

—————————————————————————————————

Il Trattato dell’Eliseo compie 50 anni e German Foreign Policy, osservatorio sulla politica estera tedesca, fa un’analisi sullo stato delle relazioni fra Francia e Germania: la finzione di due potenze di pari livello dovrà prima o poi finire, la moneta unica ha reso evidente l’egemonia tedesca.

Poco prima delle celebrazioni per il cinquantesimo anniversario del Trattato dell’Eliseo gli esperti di politica estera di Berlino fanno un bilancio sullo stato delle relazioni franco-tedesche. Il rapporto fra Parigi e Berlino è caratterizzato da grandi tensioni, riportano numerose analisi. E non è solo per i vantaggi che la Germania sta traendo dalla crisi Euro, ma anche perché le posizioni politiche tedesche hanno largamente prevalso – a spese della Francia. Il presidente François Hollande ha cercato di resistere, ma fino ad ora non ha avuto grande successo. Parigi dovrà applicare i diktat di risparmio sul modello Hartz IV; se questi avranno successo o meno non è ancora chiaro, per l’opposizione dei sindacati francesi – diversamente da quanto è accaduto in Germania. A Berlino si guarda con scetticismo all’alleanza militare franco-britannica, chiaramente percepita come una minaccia per l’egemonia tedesca. Nel complesso gli esperti consigliano di abbandonare la finzione di due potenze di eguale forza alla guida dell’EU e di accettare la situazione attuale: l’egemonia tedesca.

 

Nella crisi

 Poco prima delle celebrazioni per il cinquantesimo anniversario del Trattato dell’Eliseo, gli esperti di politica estera di Berlino fanno il punto sulla situazione delle relazioni franco-tedesche. Queste sarebbero in crisi, scrive chiaramente lo “Zeitschrift Internationale Politik”: “Le cose non vanno bene tra Germania e Francia”. Parigi è indebolita, Berlino sta guadagnando potere; l’egemonia tedesca porta a continue tensioni.

 

Lo squilibrio

 Come ci ricorda un’esperta della Deutschen Gesellschaft für Internationale Politik (DGAP- Osservatorio tedesco sulla politica internazionale) “la preoccupazione” per gli “squilibri” fra Berlino e Parigi non è affatto nuova: sono presenti in “maniera piu’ o meno latente dalla caduta del muro”. Nel 1990 l’annessione della DDR, contro cui ancora nel 1989 il presidente francese François Mitterrand si era espresso, aveva notevolmente accresciuto il potenziale di forza di Bonn. Che cio’ avrebbe avuto effetto sulla posizione della Germania in Europa, era abbastanza prevedibile. Parigi da allora “ha perso influenza politica e militare in Europa”, fatto che ha “causato irritazione e frustrazione”: nella capitale francese ci si è regolarmente lamentati “per il nuovo tono del vicino tedesco, molto piu’ sicuro di sé”. Nel 2000 la Francia si è opposta alla richiesta tedesca di “concedere a Berlino un diritto di voto con maggiore peso all’interno del consiglio europeo”: proposta motivata “con ragioni demografiche”. Il governo francese aveva allora respinto la proposta ipotizzando che cio’ “avrebbe condotto ad un indebolimento della Francia nei confronti del vicino”. E tuttavia non è stato sufficiente per impedire un’ascesa della Germania.

 

Deficit Record

 Gli osservatori sono d’accordo: è stata la debolezza francese a garantire a Berlino il dominio nell’Unione Europea. Mentre la Germania ha avuto dei vantaggi dalla crisi, la Francia ne è stata colpita duramente. I dati piu’ recenti mostrano che il paese alla fine del 2012 è entrato in recessione. La disoccupazione ha superato il 10% – il valore piu’ alto degli ultimi 15 anni. 2 agenzie internazionali hanno abbassato il rating sul debito francese. La crescente distanza nei confronti della Germania è mostrata dai deficit commerciali: mentre le esportazioni tedesche verso la Francia sono cresciute fino a 101.6 miliardi di euro (2011), l’export francese verso la Germania nello stesso anno ha raggiunto un valore di soli 66.4 miliardi di Euro. Il deficit commerciale, che alla fine si ripercuote in maniera negativa sul bilancio pubblico francese, ha raggiunto in questo modo la cifra record di 35 miliardi di Euro. E questo “significa che entrambi i paesi non sono piu’ sullo stesso livello”, secondo gli osservatori. La Germania “non ha solo rafforzato la propria posizione economica”, ma nel corso della crisi ha trasformato la forza economica in forza politica e “accresciuto il suo ruolo di leadership nella politica europea”. “Il primo elemento” è diventato “la precondizione fondamentale per il secondo”.

 

Vecchi demoni

 “Questa doppia divergenza, in una parte della classe politica e fra gli intellettuali francesi ha risvegliato vecchi fantasmi e la paura di un vicino di casa egemonico” si dice ancora. Dopo il fallimento del suo predecessore Nicolas Sarkozy, nel maggio 2012 anche il presidente François Hollande ha rilanciato il tentativo “di riportare in equilibrio il rapporto nelle relazioni bilaterali” – attraverso le alleanze con Italia e Spagna contro i diktat di risparmio tedeschi. Anche lui tuttavia non ha avuto un grande successo. “In un periodo in cui l’economia è piu’ che mai un fattore di potere”, e l’arretramento economico riduce “l’influenza politica del paese”, la Francia dovrà necessariamente recuperare posizioni da un punto di vista economico, secondo Claire Demesmay, esperta di politica estera del DGAP. E questo sarà possibile solo “con riforme profonde e difficili”, visto che la Germania durante la crisi è riuscita ad imporre a livello europeo le sue politiche di austerità.

 

Incerta volontà di riforme

 Dalla fine del 2011 a Parigi le misure di austerità del governo rosso-verde di Schröder e Fischer sono diventate l’esempio da seguire. Mentre la loro applicazione in Germania è avvenuta con relativa semplicità, in Francia l’attuazione sembra piu’ problematica: “sarà decisivo il comportamento dei sindacati”, secondo Demesmay e secondo la stampa economica tedesca. Il governo potrà sicuramente “contare sulla volontà di collaborazione del sindacato CFDT, mentre sulle organizzazioni concorrenti CGT e Force Ouvriere ci sono ancora molti dubbi”. Si dovrà inevitabilmente fare i conti con dimostrazioni di massa.

 

Diversi livelli di potere

 Nel frattempo Parigi cerca di preservare almeno nella politica militare la sua posizione di influenza – attraverso un’alleanza con Londra. Come si dice negli ambienti della politica internazionale, la Repubblica Federale e la Francia “fin dall’inizio del processo di integrazione(…) dispongono di un proprio potere ma su due diversi livelli”: la Repubblica Federale “ha un’economia fortemente orientata all’export, la Francia, una politica estera ambiziosa”. Il presidente Sarkozy “ha guidato il ritorno della Francia verso un’integrazione militare nella NATO” negoziando gli accordi con Washington e Londra, ma non con Berlino. E alla fine ha avviato una cooperazione militare e politica con la Gran Bretagna. Gli accordi del 2010 vanno chiaramente “oltre la cooperazione franco-tedesca”. Di fatto a Berlino l’alleanza franco-britannica viene osservata con crescente scetticismo: è stata la base per la guerra in Libia e ha plasmato gli attuali accordi per l’intervento militare in Mali.

 

Nessun equilibrio

 In considerazione delle difficoltà economiche della Francia, secondo l’esperta DGAP Demesmay, “ci si deve aspettare una duratura posizione di debolezza della Francia”. Sarebbe quindi sensato “abbandonare il paradigma dell’equilibrio”, e rinunciare alla pretesa di vedere Parigi e Berlino recitare il ruolo delle 2 potenze europee con eguali poteri. Diventa ora decisivo portare avanti insieme il processo di integrazione europeo. E per fare questo non c’è bisogno di sapere, scrive sempre l’esperta di Berlino in considerazione dell’egemonia tedesca, “chi fra i due porta i pantaloni”.

 tradotto e pubblicato da Voci dalla Germania