Illuminazione e mercato – genseki- 22 gen 2012

L’illuminazione è lo spazio che garantisce la possibilità di godere dell’universo della merce simultaneamente e in modo iterativo. La merce è merce solo per il desiderio, il desiderio è figlio della scarsità. L’orizzonte dell’illuminazione di quegli anni è l’illusione della possibilità di un desiderio che si riproduca nell’abbondanza, che sorga dalla sazietà, un desiderio che sia realizzato nel momento stesso del suo sorgere. Anzi un desiderio che sia originariamente anche la sua realizzazione. In modo tale che fin dal principio non si abbia nulla da desiderare perché tutto quello che si può desiderare è già in nostro possesso ma senza che per questo il desiderio venga meno.